Eventi passati › Edizione 2021

Caricamento Eventi

FLORENCE DANCE PLATFORM 2021

 

Ore 20.00, Chiostro Grande Santa Maria Novella

FLORENCE DANCE PLATFORM 2021 è un momento di condivisione e confronto, che da spazio alle scuole di danza italiane di esibirsi dinanzi ad una giuria di esperti in un luogo unico, pieno di arte e cultura:  il Chiostro Grande di Santa Maria Novella. Ospiti della piattaforma la Kinesis CDC U25.

FLODANCE 2.0 – “Leonardo il Visionario

 

Regia & Coreografia: Marga Nativo

Interpreti: Vanessa Bambi, Isabella Caruso, Eva Ciletta, Alessia Ciurli, Alice Covili, Giada Fini, Elena Kim, Jane Llaha Omeda,  Sofia Pierguidi, Lisa Piccioli, Niccolò Poggini, Paolo Rizzo, Andrea Stefanini, Elisa Torrigiani

Musica Originale: Stefano Burbi

“Chi poco pensa, molto erra…”

è proprio questo l’aspetto che ha voluto celebrare Marga Nativo nella sua ultima opera coreografica dedicata al genio più emblematico e poliedrico di tutti i tempi, Leonardo da Vinci. I sette quadri che compongono il balletto accompagnano lo spettatore, insieme alle musiche del pluripremiato musicista e compositore Stefano Burbi, alla scoperta delle diverse sfaccettature dell’animo e del pensiero che hanno guidato l’artista-scienziato nei più disparati percorsi di studio, nella realizzazione di macchine ed opere pittoriche : l’armonia tra uomo e cosmo, l’omosessualità per la quale rischiò di essere processato e condannato a morte, l’ossessione per il volo, l’interesse per le macchine e per l’anatomia del corpo umano, la ricerca di nuove tecniche pittoriche… sono questi gli aspetti che hanno mosso il pensiero coreografico di Marga Nativo la quale è riuscita a concatenarli mettendoli in relazione con l’impatto emotivo che hanno avuto sull’animo di Leonardo, prendendo le distanze dalla mera narrazione della sua vita.

L’Uomo Vitruviano

Armonia tra Uomo e Cosmo

Leonardo – Niccolò Poggini

L’Omosessualità e il Volo

Connubio di anime e non di corpi, di infinito e infinito L’Omosessualità

Leonardo – Niccolò Poggini – Il giovane – Andrea Stefanini

Il Volo – Elisa TorrigianiPaolo Rizzo

La Macchina da Guerra
Progettata e realizzata per ordine di Cesare Borgia

Lisa Piccioli, Giada Fini, Elena Kim, Sofia Pierguidi, Eva Ciletta, Jane Llaha Olmeda

Il Lato Oscuro

L’interesse per l’anatomia del corpo umano che lo spinse a eseguire segretamente autopsie sui cadaveri

Niccolò Poggini, Vanessa Bambi, Alessia Ciurli, Elisa Torrigiani, Alice Covili, Isabella Caruso

 

L’Ispirazione e la Gioconda
La riaffermazione di Leonardo

Leonardo – Niccolò Poggini

La Gioconda – Elena Kim

L’Ispirazione – Emilia Giubasso

Le Visioni e l’Ultima Cena
Parafrasi coreografica di un’apoteosi artistica

Tutti i danzatori

Prezzo € 10,00 • INTERO*

 

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)
Acquista Biglietto Online

OPERA NETWORK ENSEMBLE SANFELICE – “Palcoscenico Virtuale”

visioni e orizzonti inediti per una nuova scena dal vivo

 

Produzione:Opera Network Ensemble San Felice

in coproduzione con Florence Dance Festival, Fondazione Fabbrica Europa

in collaborazione con:
KOF-Konzert Opera Florence
Centro Studi Musica & Arte
Progetto Palcoscenico Virtuale Digital Lab
PARC Performing Arts Research Centre

Dante, Orfeo e il viaggio khthónios 

FILOLOGIA E TECNOLOGIA 

Concept & Innovation Carla Zanin

Direzione Artistica Paolo Bellocci

Direttore Federico Bardazzi

 

Palcoscenico Virtuale

Regia Carla Zanin

Stage Presence Paolo Bellocci

Videoscenografie Alessio Bianciardi

Sound Engeneer Nicola Cavina

 

Compagnia Bellanda

Coreografo, Danzatore Giovanni Gava Leonarduzzi

Assistente, Danzatrice Claudia Latini

Danzatrici Aurora Conte, Sara Bravin, Ludovica Ballarin.

 

con la partecipazione di Paolo Lorimer nel ruolo di Dante

costumi a cura di Giulia Winter

Costume La Musica gentilmente concesso da Maison Coveri

La ricorrenza dei 700 anni dalla morte di Dante è l’occasione per celebrare il sommo poeta mettendo in scena il personaggio del Mito, emblema della musica, che come Dante dall’Inferno fece ritorno: Orfeo. Un viaggio negli inferi come percorso all’interno del Sé, per eternare il pathos e rappresentare un archetipo capace di attivare l’energia profonda dell’Anima Universale, entità che incarna il principio e l’essenza stessa dell’arte.
In Dante, Orfeo e il viaggio khthónios, opera che intreccia musica, canto, danza e multimedialità in un dispositivo performativo di grande impatto e coinvolgimento sensoriale, la figura di Dante diventa la guida di Orfeo e scandisce l’evolversi delle vicende.
L’Orfeo di Claudio Monteverdi, restituito da Ensemble San Felice diretto da Federico Bardazzi, è tessitura strumentale, vocale, narrativa, percorsa dalle azioni danzate ideate da Giovanni Leonarduzzi / Compagnia Bellanda. L’allestimento tradizionale dell’opera viene sovvertito attraverso la creazione di un “palcoscenico metavirtuale” dove i cantanti si esibiscono dal vivo fuori campo mentre i corrispondenti personaggi scaturiscono da suggestioni virtuali, ologrammi, avatar, danzatori.
La realizzazione musicale combina l’approccio filologico con lo sviluppo di soluzioni tecnologiche innovative capaci di valorizzare l’espressività del capolavoro monteverdiano in chiave contemporanea. Un nucleo strumentale e i principali solisti vocali si esibiscono dal vivo, dialogando con sezioni preregistrate, suoni campionati, delay, effetti sonori e acustici.

Visioni e orizzonti inediti per una nuova scena dal vivo

La crisi come straordinaria opportunità di cambiamento e innovazione per la ricerca e sperimentazione di modalità performative di grande impatto e coinvolgimento sensoriale. Sovvertimento dell’allestimento tradizionale dell’opera attraverso la creazione di un “palcoscenico metavirtuale” dove i cantanti in presenza dal vivo si esibiscono fuori campo, mentre i corrispondenti personaggi scaturiscono da suggestioni virtuali e danzatori/attori.
La realizzazione musicale combina magistralmente l’approccio filologico, che contraddistingue da sempre le interpretazioni dell’Ensemble San Felice, con lo sviluppo di soluzioni tecnologiche innovative capaci di valorizzare la sublime espressività del capolavoro monteverdiano in chiave contemporanea.

Dante e Orfeo La ricorrenza nel 2021 dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri (14 settembre 1321) è l’occasione per celebrare il sommo Poeta in una veste inedita mettendo in scena Orfeo, cantore mitico della poesia e emblema della Musica, che come Dante intraprende un itinerarium salvationis spinto da sublime Amore, e penetrato nel mondo ultraterreno, ne farà ritorno.

L’Orfeo di questo spettacolo compie il Viaggio ctonio, infero, cioè un percorso all’interno del Sé, per ricreare ed eternare il pathos e rappresenta non solo un mito, ma un archetipo capace di attivare l’energia profonda che vibra all’interno dell’Anima Mundi, una entità che incarna il principio e l’essenza stessa dell’arte: dunque non solamente l’artista, poeta e musico, ma al contempo diviene egli stesso atto creativo, creazione ispirata e quintessenza dell’Arte, in quanto sua espressione suprema.

Il Canto di Orfeo diviene dunque linguaggio dell’Anima che osa esprimere l’inesprimibile. 
Un viaggio iniziatico nei mondi inferiori per rigenerare la scintilla divina dell’ispirazione di cui l’essere umano è mero canale.

Carla Zanin

Prezzo € 15,00 • INTERO*

Prezzo € 10,00 • RIDOTTO GENERICO e SOCI COOP*

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)
Acquista Biglietto Online

FONDAZIONE NAZIONALE DELLA DANZA / ATERBALLETTO – “Storie

Produzione: Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto

Coproduzione: Teatro Ristori di Verona

Storie è una piccola antologia di frammenti danzati, una parte infinitesimale del ricchissimo universo artistico e umano dei coreografi Diego Tortelli e Philippe Kratz.

Tortelli crea due pezzi: Preludio, in apertura di serata, è una lettera d’amore al corpo per cinque danzatori, Another story è un duetto sul gesto impossibile del 2020, l’abbraccio.

Tra passato e futuro le due creazioni di Kratz. Il duo “O” ci propone due corpi / automi, che ci obbligano a interrogarci su come potrebbe mutare il senso del contatto fisico: resterà emotivo e sentito, o diventerà seriale e alienato?

Alpha Grace, un passo a sei in conclusione di serata, è una riflessione sull’empatia, una forma di comunicazione gentile tra persone che si sentono sullo stesso piano. Anch’essa messa a dura prova dai tempi presenti.

1. “Preludio”

Coreografia: Diego Tortelli
Musica: Nick Cave
Danzatori: Clément Haenen, Ivana Mastroviti, Sandra Salietti Aguilera, Roberto Tedesco, Hélias Tur-Dorvault

Luci: Carlo Cerri
Assistente alla coreografia: Casia Vengoechea

2. “O ”

Coreografia: Philippe Kratz
Musica: Mark Pritchard, The Field
Danzatori: Clément Haenen, Ivana Mastroviti

Luci: Carlo Cerri

3. “Another Story ”

Coreografia: Diego Tortelli
Musica: Spiritualized
Danzatori: Ina Lesnakowski, Hélias Tur-Dorvault

Consulenza Musicale: Federico Bigonzetti

Luci: Carlo Cerri

4. “Alpha Grace ”

con il supporto di Centro per la Scena Contemporanea di Bassano del Grappa.

Coreografia: Philippe Kratz
Musica: Barrio Sur, Fela Kuti
Danzatori: Clément Haenen, Ina Lesnakowski, Ivana Mastroviti, Sandra Salietti Aguilera, Roberto Tedesco, Hélias Tur-Dorvault

Consulente Drammaturgico: Tyrone Isaac-Stuart

Luci: Carlo Cerri

Produzione: Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto

Coproduzione: Teatro Ristori di Verona

Prezzo € 25,00 • INTERO*

Prezzo € 20,00 • RIDOTTO GENERICO*

Prezzo € 15,00 • RIDOTTO SOCI COOP*

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)
Acquista Biglietto Online

FESTIVAL AU DÉSERT FIRENZE – “Amadou & Mariam”

XII Festival au Désert – Fondazione Fabbrica Europa

 

Per la XII edizione del FESTIVAL AU DÉSERT FIRENZE, nato nel 2010 dalla collaborazione tra il Festival au Désert di Essakane e la Fondazione Fabbrica Europa, arrivano dal Mali i cantanti e musicisti non-vedenti AMADOU & MARIAM, che hanno legato il proprio percorso a star quali Manu Chao e Jovanotti e da anni rappresentano un simbolo di apertura, riscatto e solarità. A Firenze – in duo sul palco esattamente come ai loro esordi – portano una versione intima e al tempo stesso raggiante della loro musica, per un doppio concerto che l’1 e il 2 luglio regalerà tutta la profondità e l’essenza della loro terra (Chiostro Grande di Santa Maria Novella, ore 20.30, biglietti 13 euro / 10 ridotto + dpv).

AMADOU & MARIAM

 

Mali, fine anni ’60: Amadou Bagayoko, chitarrista del gruppo pop Ambassadeurs du Motel de Bamako, incontra la cantante Mariam Doumbia all'”Istituto per giovani non vedenti” di Bamako, la capitale del Paese. L’incontro si rivela decisivo per la vita professionale e privata dei due artisti. I due diventano coppia fissa in tutti i sensi: lavorano insieme, si sposano, hanno 3 figli, scorrazzano e si esibiscono per tutta l’Africa, dal Burkina Faso alla Costa d’Avorio dove, nel 1988, producono cinque cassette del nigeriano Aliyu Maikano Adamu. La loro fama si spande per tutta l’Africa Occidentale, dove sono conosciuti come Amadou e Mariam, la coppia di non vedenti del Mali.

Negli anni ’90 Amadou e Mariam valicano i confini del continente nero e sbarcano in Europa, nel Regno Unito e soprattutto in Francia, dove entrano in contatto con altre realtà musicali: il blues americano, i ritmi cubani e indiani, la musica folk francese, tutti generi che arricchiscono il loro bagaglio andando ad arricchire il loro stile, peraltro già improntato verso atmosfere blues nei pezzi più introspettivi e funk in quelli più movimentati.

Verso la fine del millennio Sonodisc e Polydor siglano accordi con i due artisti africani, contratti che si concretizzano con la pubblicazione di dischi inediti e la rimasterizzazione e la ristampa dei loro primi lavori. Il duo gode di grande visibilità quando una loro canzone, Mon Amour, Ma Chérie, viene selezionata come brano d’apertura del cd della Putumayo “Mali To Memphis: An African-American Odyssey”, una raccolta che comprende mostri sacri del blues come Muddy Waters e John Lee Hooker. Dopo qualche tempo la coppia riesce a ritagliarsi un suo pubblico e una schiera di estimatori, e infatti entra regolarmente nelle classifiche francesi con i propri dischi. Ma una nuova svolta arriva, davvero inattesa, grazie a Manu Chao, che rimane incantato dai due performer africani quando ascolta un loro travolgente brano, Chauffeurs, presente nell’album “Wati” (2003). L’ex frontman dei Mano Negra è così entusiasta che decide di produrre personalmente il nuovo album di Amadou e Mariam, disco che esce nel 2004 col titolo Dimanche à Bamako. Il primo singolo estratto è La Réalité, brano dal vago sapore dance anni Settanta, ma le canzoni in cui il tocco dell’autore di “Clandestino” si fanno sentire maggiormente sono Sénégal Fast Food, Camions Sauvages e Politic Amagni, brillante pezzo di afro funky-rap dal testo politicamente esplicito.

Acquista Biglietto Online

FESTIVAL AU DÉSERT FIRENZE – “Amadou & Mariam”

XII Festival au Désert – Fondazione Fabbrica Europa

 

Per la XII edizione del FESTIVAL AU DÉSERT FIRENZE, nato nel 2010 dalla collaborazione tra il Festival au Désert di Essakane e la Fondazione Fabbrica Europa, arrivano dal Mali i cantanti e musicisti non-vedenti AMADOU & MARIAM, che hanno legato il proprio percorso a star quali Manu Chao e Jovanotti e da anni rappresentano un simbolo di apertura, riscatto e solarità. A Firenze – in duo sul palco esattamente come ai loro esordi – portano una versione intima e al tempo stesso raggiante della loro musica, per un doppio concerto che l’1 e il 2 luglio regalerà tutta la profondità e l’essenza della loro terra (Chiostro Grande di Santa Maria Novella, ore 20.30, biglietti 13 euro / 10 ridotto + dpv).

AMADOU & MARIAM

 

Mali, fine anni ’60: Amadou Bagayoko, chitarrista del gruppo pop Ambassadeurs du Motel de Bamako, incontra la cantante Mariam Doumbia all'”Istituto per giovani non vedenti” di Bamako, la capitale del Paese. L’incontro si rivela decisivo per la vita professionale e privata dei due artisti. I due diventano coppia fissa in tutti i sensi: lavorano insieme, si sposano, hanno 3 figli, scorrazzano e si esibiscono per tutta l’Africa, dal Burkina Faso alla Costa d’Avorio dove, nel 1988, producono cinque cassette del nigeriano Aliyu Maikano Adamu. La loro fama si spande per tutta l’Africa Occidentale, dove sono conosciuti come Amadou e Mariam, la coppia di non vedenti del Mali.

Negli anni ’90 Amadou e Mariam valicano i confini del continente nero e sbarcano in Europa, nel Regno Unito e soprattutto in Francia, dove entrano in contatto con altre realtà musicali: il blues americano, i ritmi cubani e indiani, la musica folk francese, tutti generi che arricchiscono il loro bagaglio andando ad arricchire il loro stile, peraltro già improntato verso atmosfere blues nei pezzi più introspettivi e funk in quelli più movimentati.

Verso la fine del millennio Sonodisc e Polydor siglano accordi con i due artisti africani, contratti che si concretizzano con la pubblicazione di dischi inediti e la rimasterizzazione e la ristampa dei loro primi lavori. Il duo gode di grande visibilità quando una loro canzone, Mon Amour, Ma Chérie, viene selezionata come brano d’apertura del cd della Putumayo “Mali To Memphis: An African-American Odyssey”, una raccolta che comprende mostri sacri del blues come Muddy Waters e John Lee Hooker. Dopo qualche tempo la coppia riesce a ritagliarsi un suo pubblico e una schiera di estimatori, e infatti entra regolarmente nelle classifiche francesi con i propri dischi. Ma una nuova svolta arriva, davvero inattesa, grazie a Manu Chao, che rimane incantato dai due performer africani quando ascolta un loro travolgente brano, Chauffeurs, presente nell’album “Wati” (2003). L’ex frontman dei Mano Negra è così entusiasta che decide di produrre personalmente il nuovo album di Amadou e Mariam, disco che esce nel 2004 col titolo Dimanche à Bamako. Il primo singolo estratto è La Réalité, brano dal vago sapore dance anni Settanta, ma le canzoni in cui il tocco dell’autore di “Clandestino” si fanno sentire maggiormente sono Sénégal Fast Food, Camions Sauvages e Politic Amagni, brillante pezzo di afro funky-rap dal testo politicamente esplicito.

Acquista Biglietto Online

ORCHESTRA DA CAMERA FIORENTINA In collaborazione con ORCHESTRA TOSCANA CLASSICA – “Bohemian Fantasy”

Direttore: Giuseppe Lanzetta

Pianista: GIUSEPPE ANDALORO

Arrangiamento: Giuseppe Andaloro

Ideazione e Progetto: Giovanni Lanzetta

Orchestra da Camera Fiorentina e Orchestra Toscana Classica uniscono le forze nel segno dei Queen. “Bohemian Fantasy” è il concerto tributo alla leggendaria band.
Ottima occasione per riascoltare, in chiave sinfonica, “Bohemian Rhapsody”, “We Will Rock You”, “The Show Must Go On”, “Killer Queen”, “Somebody to Love” e altri capisaldi dell’epopea Queen, con arrangiamenti orchestrali che ne rispettano l’essenza e ne esaltano la forza.
Ideato da Giovanni Lanzetta, il progetto è arricchito dalla partecipazione, in veste di solista, di un autentico fuoriclasse del pianoforte, Giuseppe Andaloro, a cui si devono anche gli arrangiamenti orchestrali. Vincitore di importanti riconoscimenti, tra cui il Premio Busoni, Giuseppe Andaloro spazia con padronanza dalla musica rinascimentale a quella contemporanea. Il musicista siciliano è da sempre aperto alla musica dei giorni nostri, e proprio a “Bohemian Rhapsody” dei Queen ha dedicato una straordinaria versione per piano solo, pubblicata da Warner Classic.

TWILIGHT IN THE ROUND

 

Coreografi e Compagnie Emergenti Europee

Il progetto Twilight in the Round prende vita in forma di Call for artists, un bando indetto con l’obiettivo di ospitare, promuovere e sostenere le nuove creazioni di giovani coreografi e compagnie emergenti, italiani e dal resto del mondo, supportando la messa in scena di progetti coreografici innovativi e favorendo la mobilità e lo scambio di artisti del panorama internazionale dell’arte della danza. Fra più di 110 adesioni da parte di giovani artisti e compagnie di danza emergenti sono state selezionate dalla direzione artistica circa 50 rappresentazioni che andranno in scena dal 7 al 14 luglio 2021 al Chiostro Grande di S. Maria Novella.

Gli spettacoli saranno presentati alle ore 20.00, nel momento del tramonto, con la luce del crepuscolo rinforzata da luce teatrale fissa sui corpi dei danzatori.

Twilight in the Round, dotato di carattere nazionale e internazionale, con radici di appartenenza italiana, con tratti di personalità toscana ed un tocco di buona fiorentinità, si presenta come modello innovativo tra le buone pratiche nell’ambito dello sviluppo dello spettacolo dal vivo, privilegiando emergenti artisti provenienti da tutta Europa.

DANCEHOUSE + | FRANCHINA | LEONE – Centro Nazionale di Produzione della danza (Italia)

 

Titolo: “Floating”
Coreografia: Vittoria Franchina e Giovanni Leone

GOBI DANCE COMPANY (Serbia)

 

Titolo: “Volitant”
Coreografia: Rita Góbi

NUOVO BALLETTO DI TOSCANA (Italia)

 

Titolo: “51”
Coreografia: Beatrice Ciattini & Niccolo’ Poggini

LOTTA SANDBORGH (Germania)

 

Titolo: “&Eve”
Coreografia: Lotta Sandborgh

CONTEMPORARY CREATIVE DREAMERS (Romania)

 

Titolo: “Let me slip through your fingers”
Coreografia: Daniel Alexandru Dragomir & Andreea Valean 

COMPAGNIE RUE SERENDIP (Francia)

Titolo: “Piéce de Poche #1”
Coreografia: Prunelle Bry & Tristan Bénon

SYNERGYEFFECT (Italia)

Titolo: “Imperfectum”
Coreografia: Jane Llaha Olmeda & Giulia Bertoni

NEXUS DAMAGE COMPANY (Olanda)

Titolo: “Re:”
Coreografia: Helen Pokrovska

IRENE DI MEGLIO (Italia)

Titolo: “Downward funnel”
Coreografia: Irene Di Meglio

LUCA VONA (Italia)

Titolo: “Resilienza”
Coreografia: Luca Vona

SHAUNA MC WILLIAMS (Germania)

Titolo: “Restless”
Coreografia: Shauna Mc Williams

Prezzo € 10,00 • INTERO*

Prezzo € 8,00 • RIDOTTO GENERICO e SOCI COOP*

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)
Acquista Biglietto Online

TWILIGHT IN THE ROUND

 

Coreografi e Compagnie Emergenti Europee

 

Il progetto Twilight in the Round prende vita in forma di Call for artists, un bando indetto con l’obiettivo di ospitare, promuovere e sostenere le nuove creazioni di giovani coreografi e compagnie emergenti, italiani e dal resto del mondo, supportando la messa in scena di progetti coreografici innovativi e favorendo la mobilità e lo scambio di artisti del panorama internazionale dell’arte della danza. Fra più di 110 adesioni da parte di giovani artisti e compagnie di danza emergenti sono state selezionate dalla direzione artistica circa 50 rappresentazioni che andranno in scena dal 7 al 14 luglio 2021 al Chiostro Grande di S. Maria Novella.

Gli spettacoli saranno presentati alle ore 20.00, nel momento del tramonto, con la luce del crepuscolo rinforzata da luce teatrale fissa sui corpi dei danzatori.

Twilight in the Round, dotato di carattere nazionale e internazionale, con radici di appartenenza italiana, con tratti di personalità toscana ed un tocco di buona fiorentinità, si presenta come modello innovativo tra le buone pratiche nell’ambito dello sviluppo dello spettacolo dal vivo,

privilegiando emergenti artisti provenienti da tutta Europa.

SILVIA GIORDANO (Italia)

 

Titolo: “A noisy self”
Coreografia: Silvia Giordano

CRISTIANO BENUSSI (Italia)

 

Titolo: “4D”
Coreografia: Cristiano Benussi

BROKAT DANCE THEATER, HONORATA PERZANOWSKA (Italia)

 

Titolo: “They live Forever”
Coreografia: Honorata Perzanowska

OCRAM DANCE MOVEMENT (Italia)

 

Titolo: “Amuninni”
Coreografia: Marco Laudani

OCRAM DANCE MOVEMENT (Italia)

 

Titolo: “Africa”
Coreografia: Claudio Scalia

EVELYN HUTCHINGS & FEDERICO TOSELLO (Olanda / Italia)

Titolo: “Hiraeth”
Coreografia: Evelyn Hutchings & Federico Tosello

IVONA  (Italia)

Titolo: “T.R.I.P.O.F.O.B.I.A.
Coreografia: Pablo Girolami

COMPAGNIA “PER ARTEM” (Italia)

Titolo: “Recondita Beatrice”
Coreografia: Sara Ladu & Valentina Rossi

JUAN CRUZ LUQUE (Romania)

Titolo: “Layers of Gender”
Coreografia: Juan Cruz Luque

VIDAVE’ CRAFTS (Italia)

Titolo: “Giannino e Greta”
Coreografia: Matteo Vignali

SILVIA BATET DANCE COMPANY (Spagna)

Titolo: “Oblivion”
Coreografia: Silvia Batet Lladrò

Prezzo € 10,00 • INTERO*

Abbonamento 25€ per 5 serate (solo su prenotazione mandando un mail a festival@florencedance.org)

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)
Acquista Biglietto Online

TWILIGHT IN THE ROUND

 

Coreografi e Compagnie Emergenti Europee

 

Il progetto Twilight in the Round prende vita in forma di Call for artists, un bando indetto con l’obiettivo di ospitare, promuovere e sostenere le nuove creazioni di giovani coreografi e compagnie emergenti, italiani e dal resto del mondo, supportando la messa in scena di progetti coreografici innovativi e favorendo la mobilità e lo scambio di artisti del panorama internazionale dell’arte della danza. Fra più di 110 adesioni da parte di giovani artisti e compagnie di danza emergenti sono state selezionate dalla direzione artistica circa 50 rappresentazioni che andranno in scena dal 7 al 14 luglio 2021 al Chiostro Grande di S. Maria Novella.

Gli spettacoli saranno presentati alle ore 20.00, nel momento del tramonto, con la luce del crepuscolo rinforzata da luce teatrale fissa sui corpi dei danzatori.

Twilight in the Round, dotato di carattere nazionale e internazionale, con radici di appartenenza italiana, con tratti di personalità toscana ed un tocco di buona fiorentinità, si presenta come modello innovativo tra le buone pratiche nell’ambito dello sviluppo dello spettacolo dal vivo,

privilegiando emergenti artisti provenienti da tutta Europa.

GIULIA MENTI (Italia)

 

Titolo: “Overwhelmed”
Coreografia: Giulia Menti

HENRY LABRADA RODRIGUEZ (Olanda)

 

Titolo: “Dador”
Coreografia: Henry Labrada Rodriguez

DANCEHAUS PIU’ | DUO NUX  (Italia)

Titolo: “Delicious Overdose”
Coreografia: Cristian Cucco & Alice Beatrice Carrino

SIMEA CAVELTI (Svizzera)

Titolo: “Chaconne”
Coreografia: Simea Cavelti

DANIELE SALVITTO (Italia)

Titolo: “Dante’s Descent”
Coreografia: Daniele Salvitto

Prezzo € 10,00 • INTERO*

Abbonamento 25€ per 5 serate (solo su prenotazione inviando un mail a festival@florencedance.org)

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)

Acquista Biglietto Online

TWILIGHT IN THE ROUND

 

Coreografi e Compagnie Emergenti Europee

 

Il progetto Twilight in the Round prende vita in forma di Call for artists, un bando indetto con l’obiettivo di ospitare, promuovere e sostenere le nuove creazioni di giovani coreografi e compagnie emergenti, italiani e dal resto del mondo, supportando la messa in scena di progetti coreografici innovativi e favorendo la mobilità e lo scambio di artisti del panorama internazionale dell’arte della danza. Fra più di 110 adesioni da parte di giovani artisti e compagnie di danza emergenti sono state selezionate dalla direzione artistica circa 50 rappresentazioni che andranno in scena dal 7 al 14 luglio 2021 al Chiostro Grande di S. Maria Novella.

Gli spettacoli saranno presentati alle ore 20.00, nel momento del tramonto, con la luce del crepuscolo rinforzata da luce teatrale fissa sui corpi dei danzatori.

Twilight in the Round, dotato di carattere nazionale e internazionale, con radici di appartenenza italiana, con tratti di personalità toscana ed un tocco di buona fiorentinità, si presenta come modello innovativo tra le buone pratiche nell’ambito dello sviluppo dello spettacolo dal vivo,

privilegiando emergenti artisti provenienti da tutta Europa.

SARA MITOLA (Italia)

 

Titolo: “I remember”
Coreografia: Sara Mitola

CECILIA BARTOLINO (Italia)

 

Titolo: “YAS”
Coreografia: Cecilia Bartolino

CECILIA PONTEPRIMO & LORENZO PONTEPRIMO (Italia)

 

Titolo: “The Failed clone (DITTO)”
Coreografia: Lorenzo Ponteprimo

RESODANCER COMPANY  (Francia)

Titolo: “Prologue”
Coreografia: Laura Lamy & Tristan Robilliard

KOR’SIA (Italia)

Titolo: “Somiglianza”
Coreografia: Mattia Russo e Antonio De Rosa

JEAN MARC CORDERO (Germania)

Titolo: “Der Wahrsager | The Fortuneteller”
Coreografia: Jean Marc Cordero

Prezzo € 10,00 • INTERO*

Abbonamento 25€ per 5 serate (solo su prenotazione inviando un mail a festival@florencedance.org)

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)

Acquista Biglietto Online

MOONLIGHT IN THE ROUND

 

Coreografi e Compagnie Emergenti Europee

All’interno di Twilight la direzione artistica del Florence Dance Festival, visto la grande qualità artistica e creativa e dell’appartenenze al proprio territorio di alcuni dei partecipanti, ha voluto offrire uno spazio dedicato creando Moonlight in the round, una serata speciale che nasce dal Twilight, gli spettacoli si svolgeranno di sera alle 21.30 il 14 luglio.

COMPAGNIA BELLANDA (Italia)

 

Titolo: “Aganis”
Coreografia: Giovanni Gava Leonarduzzi

LIOR TAVORI (Israele)

 

Titolo: “MARS”
Coreografia: Lior Tavori

CLÉMENCE JUGLET (Francia)

 

Titolo: “Solo I need to”
Coreografia: Clemence Juglet

COMPAGNIA H-UR (Italia)

 

Titolo: “Huracan”
Coreografia: Sofia Casprini & Loredana Tarnovschi

Prezzo € 10,00 • INTERO*

Abbonamento 25€ per 5 serate (solo su prenotazione inviando un mail a festival@florencedance.org)

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)

Acquista Biglietto Online

KAOS BALLETTO DI FIRENZE – La Divina Commedia

Coreografia: Francesco Mangiapane, Kristian Cellini, Roberto Sartori

Musica: musiche originali di Stefano Simmaco , AA.VV.

Danzatori: Federica Capozzoli, Letizia Filippucci, Francesca Vitillo.

Costumi: Riccardo Occhipinti

Light Designer: Giacomo Ungari

Maitre de Ballet: Katiuscia Bozza

Assistente alle Coreografie: Chiara Prina

Tre coreografi Francesco Mangiapane, Kristian Cellini e Roberto Sartori si lasciano ispirare dall’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso danteschi sfruttando e ricomponendo le oniriche visioni che l’immensa opera regala.

E se questi tre non luoghi fossero nel tempo e non nello spazio?

Se osservando Inferno, Purgatorio e Paradiso pensassimo a passato presente e futuro?

Allora l’Inferno diverrebbe un trascorso da dimenticare carico di errori, colpe…qualcosa da non ripetere. Il Purgatorio la rappresentazione dei nostri sforzi attuali per modificare noi stessi,  una “palestra dell’anima e del corpo” dove guadagnare un futuro migliore, un futuro che speriamo sia idilliaco,  un futuro che faccia da stella cometa e ci dia speranza e forza… un Paradiso!

Prezzo € 20,00 • INTERO*

Prezzo € 15,00 • RIDOTTO GENERICO e SOCI COOP*

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)
Acquista Biglietto Online

BALLETTO TEATRO DI TORINO – “Studio per ANEMOI”

Immergersi con
Gli occhi dove
Invisibili stanno

Coreografia: Manfredi Perego
musica: Paolo Codognola
Danzatori: Nadja Guesewell, Lisa Mariani, Viola Scaglione, Flavio Ferruzzi, Emanuele Piras, Luca Tomasoni.

Costumi: Manuela Dello Preite
Light Designer: Ornella Banfi
prima nazionale / Festival MilanOltre Sala Shakespeare 29 settembre 2020

La danza scaturisce da una ferita, quella inflitta da venti, anemoi, che attraversano il corpo dei danzatori. Ma cosa succede al corpo attraversato dal vento? Esso viene come derubato, volente o nolente, di una scheggia dei suoi pensieri più profondi. Come se il movimento dell’aria permettesse un passaggio tra il sé e il luogo che lo contiene, con esito in una liberazione fisica ed emotiva, diversa per ciascuno. Una coreografia dedicata al vento, o piuttosto un affidamento a esso. Come in ogni progetto del coreografo Manfredi Perego, un haiku cercato e trovato insieme ai danzatori accompagna il lavoro, fondendo la ricerca della parola intima e privata a
quella operata dal corpo.

Prezzo € 25,00 • INTERO*

Prezzo € 20,00 • RIDOTTO GENERICO*

Prezzo € 15,00 • RIDOTTO SOCI COOP*

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)
Acquista Biglietto Online

KINESIS CONTEMPORARY DANCE COMPANY – “MOON… the new Paradise”

 

Produzione: Kinesis CDC, Fondazione CR di Firenze, Regione Toscana, con il supporto di DAC dance art culture, Florence Dance Festival

Regia e Coreografia: Angelo Egarese

Musica: Francesco Giubasso, A.A.V.V.

Danzatori: Eva Ciletta, Aurora Gamberini, Elena Alessia Hodor, Sara Moriani, Anna Pesetti, Francesca Piergiacomo, Nicole Ratti, Riccardo Zoppi

Costume Designer: Anna Zwiefka

MOON…the new Paradise è un performance che tenta di vedere la luna come nuovo paradiso, come viaggio spaziale attraverso il subconscio e la realtà. Il tutto si ispira  alla Divina Commedia, in occasione dai 700 anni dalla morte di Dante, come riflesso incondizionato del nostro raccontare.

“Ciò che ci tiene legati a questo piano terrestre deriva da qualcosa di astratto che non riusciamo a visualizzare, a concretizzare nelle nostre mani. Si materializza a noi in modo invisibile, ma si fa sentire più di tante altre cose. La nostra perpendicolarità è data dall’interazione con qualcosa che possiamo solo avvertire in maniera sensoriale e che può scomparire in assenza di suolo”.

Prezzo € 20,00 • INTERO*

Prezzo € 15,00 • RIDOTTO GENERICO e SOCI COOP*

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)
Acquista Biglietto Online

FLORENCE POWER TRYPTIC: Generations, Geografia Emozionale, Ritratto di Frida

 

MYSTES DANCE COMPANY – “Generations

 

Regia & Coreografia: Gigi Nieddu
Assistente Coreografia: Jessica Capanni
Danzatori: Asia Belfiore, Neri Bonciani, Jessica Capanni, Costanza Delfino, Alessia Giraldi, Giulia Inverso, Lucrezia Maccioni, Martina Manna.

Musiche: Thriftworks, Ninjula, R-kade Robot, Sparky.

La Mystes Dance Company prosegue nella sua strada di sperimentazione di Danza Urbana e contaminazione fra generi, sintesi tra narrazione e danza istintiva e lo fa, come suo solito con ironia: c’è voglia di dissacrare il tempo e gli eventi eccezionali che stiamo vivendo, per quanto cupi e drammatici.

La nuova opera di Gigi Nieddu si concentra questa volta sull’eterno conflitto tra giovani e vecchi, simbolo (in fondo) di tutte le sterili contrapposizioni che l’essere umano crea. Nella finzione scenica (ma è davvero finzione?), in un immaginario condominio torna l’eterna pantomima del conflitto generazionale, esacerbata però dal periodo che stiamo attraversando.

Così, per raccontare la contrapposizione grottesca fra chi giovane è stato e chi vecchio sarà, non si può che ricorrere al registro comico, suscitando una risata che è segno di una pietas che abbraccia, in fondo, tutti noi.

LYRICDANCECOMPANY – “Frida

 

Coreografia: Alberto Canestro
Assistente Coreografia: Alessia Fanti
Danzatori: Reika Vigilucci, Benedetta Pollini, Irene Le Pera, Sara Callegari, Nicola Gianellini, Leandro Salvischiani, Damiano Gorgolione, Federico Brogi.

Musiche: Enrico Fabio Cortese, Chavela Vargas, G.F. Händel.

Costumi: Alberto Canestro e Barbara Loli

Frida Kahlo è una delle figure più significative dell’arte messicana e rappresenta per moltissimi un punto di riferimento, un modello di forza, di indipendenza e di stile: sono queste le caratteristiche che hanno ispirato il mio omaggio ad una donna iconica, sempre fedele a sé stessa e dalla personalità forte e coraggiosa.

 

Questo ritratto danzato evoca la complessità della sua anima, il suo mondo a tinte forti.

Donna e artista libera, senza filtri, autentica e originale.

I danzatori, in un linguaggio coreutico neoclassico, ci raccontano la forza e il coraggio di questa artista eccentrica e fortemente connessa alle proprie radici.

I quadri danzati restituiscono la forza visionaria e tenace dell’artista fortemente connessa alle sue fragilità di donna, solcata da profonde cicatrici.

PROJECT2.0COMPANY – “Geografie Emozionali

 

Coreografia: Massimiliano Terranova
Danzatori: Marlene Anichini, Isabella Braconi, Elena Cerasa, Giuseppe Iacoi, Francesco Mastromauro, Lorenzo Paoli, Isabella Sorino

Musiche: Alva Noto

Costumi: Patrizia Baccari

Light Designer: Gabriele Termine, Gianluca Daziano

Photo: Paolo Matteoni

 

Il lavoro è volto ad esplorare affinità, contraddizioni, stati d’animo ed incertezze, nel grande mappamondo dell’emotività umana, percorrendo strade e territori che mutano e si modificano costantemente.

Prezzo € 20,00 • INTERO*

Prezzo € 15,00 • RIDOTTO GENERICO e SOCI COOP*

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)
Acquista Biglietto Online

Serata della Fondazione Meyer in collaborazione con La Milanesiana

ELIO E FRANCESCO BIANCONI

All’insegna della buona musica la serata si svolge in compagnia di Elio e di Gianpaolo Donzelli, il presidente della fondazione Meyer,  con inserti video a cura di  Teen Academy, la Web TV nata su iniziativa di Fondazione Meyer e Fondazione CR Firenze, e concludersi con il concerto “Pinocchio!” sotto la direzione di Francesco Bianconi.  Partecipa alla serata, introdotta da Elisabetta Sgarbi, anche il sindaco di Firenze Dario Nardella.

Programma dell’Evento:

Saluti istituzionali
Comune di Firenze

Dialogo
Elio con Gianpaolo Donzelli

Video
Teen Academy

Concerto

Pinocchio!
Francesco Bianconi (voce narrante)
Marcello Corti (direttore)
Sebastiano De Gennaro (percussioni)
Damiano Afrifa (pianoforte)
Alessandro Grazian (chitarra)
Roberto Benatti (contrabbasso)
Yoko Morimyo (violino)
Carlotta Raponi (clarinetto basso, clarinetto, flauto dolce, flauto traverso)

Introduce: Elisabetta Sgarbi

Ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti.

RBR DANCE COMPANY   – “Illusionistheatre”

Regia: Cristiano Fagioli

Coreografia: Cristiano Fagioli, Cristina Ledri, Alessandra Odoardi 

Musica:  Virginio Zoccatelli, Diego Todesco

Danzatori: Cristina Ledri, Alessandra Odoardi, Chiara Pagano, Francesca Benedetti, Marco Mantovani, William Mazzei  

Costumi: Donatella Bressan

Light Designer: Giancarlo Vannetti

Produzione Digitale: Think-3d s.r.l.

Service: Me quadro service

Comunicazione e Media Marketing: Sonia Mingo

Management: Vittorio Stasi

produzione: RBR Dance Company Illusionistheatre

RBR Dance Company per il Florence Dance Festival presenterà in prima assoluta lo spettacolo Illusionistheatre: un allestimento che coniuga danza e tecnica, mutazioni sceniche inattese e giochi di luci sono solo alcune delle sorprese di questo spettacolo.

E’ centrale il rapporto uomo-natura, la ricerca delle proprie origini, il bisogno di autenticità, in un continuum di istantanee e coreografie emozionali.

In occasione del 700esimo anniversario della morte di Dante Alighieri,  si riscoprono inoltre le affinità col Sommo Poeta che nella celebre frase “Tre cose ci sono rimaste del paradiso: le stelle, i fiori e i bambini.” ricorda che le vere ricchezze che ha l’uomo sono l’universo nel quale è stato creato, le preziose risorse che ha su questo pianeta e la speranza di un futuro migliore.

Prezzo € 25,00 • INTERO*

Prezzo € 20,00 • RIDOTTO GENERICO*

Prezzo € 15,00 • RIDOTTO SOCI COOP*

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)
Acquista Biglietto Online

EQUILIBRIO DINAMICO DANCE COMPANY – Confini Disumani

Coreografia: Roberta Ferrara

Musica: Faraualla, Enzo Avitabile

Danzatori: Nicola De Pascale, Tonia Laterza, Serena Angelini, Beatrice Netti, Silvia Sisto, Salvatore Lecce, Camilla Romita, Laila Lovino

Disegno Luci: Roberta Ferrara

Costumi: Roberta Ferrara

“Noi siamo il rosso e il nero della terra, un oltremare di sandali sfondati, il polline e la polvere nel vento di stasera. Uno di noi, a nome di tutti, ha detto: “Non vi sbarazzerete di me. Va bene, muoio, ma in tre giorni resuscito e ritorno”.

Confini Disumani ispirato al testo ‘Solo Andata’ di E. De Luca è una preghiera fisica, una denuncia, un quadro nudo e svilito della nostra società odierna dove nazione e patria si sgretolano a causa della mancata umanità che il mondo subisce.

L’onestà dei corpi e il potente coinvolgimento drammaturgico fanno di ‘Confini Disumani’ un lavoro intenso e toccante che porta lo spettatore a riflettere e a tratti a sentirsi colpevole del mancato valore etico e morale dell’essere umano.

Prezzo € 25,00 • INTERO*

Prezzo € 20,00 • RIDOTTO GENERICO*

Prezzo € 15,00 • RIDOTTO SOCI COOP*

Biglietto Gratuito Bambini accompagnati fino ai 6 anni

*€1,50 diritti di prevendita + 10% acquisto online*
N.B. I Biglietti potranno essere acquistati in prevendita (solo Online)
Acquista Biglietto Online

Torna in cima